Banco Alimentare Toscana lancia il crowdfunding contro lo spreco

La raccolta fondi “Freddo tutto l’anno” punta a dotare le strutture distributive toscane di congelatori e contenitori per il trasporto e la conservazione degli alimenti freschi e surgelati.

Parte il crowdfunding di Banco Alimentare della Toscana!

La campagna Freddo tutto l’annowww.eppela.com/freddotuttolanno servirà ad acquistare congelatori e contenitori isotermici per permettere la distribuzione e spedizione di alimenti freschi e surgelati a chi ne ha più bisogno.

Da oggi e fino al 17 gennaio è possibile donare sulla piattaforma Eppela www.eppela.com/freddotuttolanno e contribuire a donare queste attrezzature alle strutture caritative convenzionate che ogni anno aiutano oltre 100 mila indigenti sul territorio toscano.

Ecco come si può contribuire a questo progetto:

Un motivo in più? La tua donazione vale il doppio! 

Ricorda che: la campagna è sostenuta dalla Fondazione CR Firenze che, raggiunta la metà dell’obiettivo prefissato sulla piattaforma, raddoppierà la cifra raccolta.

In pratica, ogni euro versato a sostegno della nostra campagna, vale doppio!

FREDDO TUTTO L'ANNO

Fra i sostenitori della campagna ci sono già Tieffe Group srl, spedizioniere internazionale che per questo Natale ha voluto fare un regalo ai suoi clienti facendo una generosa donazione alla campagna Freddo tutto l’anno e Pizza&Peace, associazione di ristoratori toscani che, durante i giorni della raccolta, per  ogni pizza venduta dalle pizzerie aderenti, devolverà 1€ al progetto del Banco Alimentare, a dimostrazione che, anche in questo periodo di crisi, la solidarietà è sempre in primo piano.

La campagna di crowdfunding è realizzata all’interno dell’iniziativa di Social Crowdfunders, ideata da Siamosolidali e sostenuta da Fondazione CR Firenze, in collaborazione con Feel Crowd.

Scopri di più sul progetto ▶▶ www.eppela.com/freddotuttolanno.

#FREDDOTUTTOLANNO

Non ti sei ancora iscritto alla nostra newsletter?

Iscriviti per ricevere notizie su crowdfunding, digital fundraising e terzo settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scorrere fino alla parte superiore