3 buoni motivi per fare digital fundraising

3 buoni motivi per fare digital fundraising

Il digital fundraising non fa ancora parte della tua strategia di raccolta fondi?

Allora ti diciamo perchè dovresti rimediare subito!

In questo periodo in cui l’emergenza Coronavirus ha messo alla prova tutti all’interno del terzo settore e in cui il fundraising si é dovuto reinventare per dare risposte immediate e concrete, il digitale è stato di fondamentale importanza e, per alcuni, una grande riscoperta.

Leggi ad esempio la storia di resilienza della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori di Milano che abbiamo raccontato nell’articolo Best practice di fundraising durante il lockdown

Ma al di là del momento eccezionale che stiamo vivendo, il fundraising digitale si rivela oggi indispensabile in un’azione di raccolta fondi. 

Non ne sei ancora convinto?

Ecco 3 buoni motivi per investire nel digital fundraising:

DONATE BUTTON

FARTI TROVARE OVUNQUE E IN OGNI MOMENTO

Con il digital fundraising i tuoi donatori hanno sempre a portata di click un modo per donare alla tua organizzazione.

  • curare la sezione o il pulsante DONA sul tuo sito web
  • utilizzare gli strumenti online come l’advertising, l’e-mail marketing e i social network
  • farsi trovare su Google
  • raccogliere fondi per occasioni speciali come il compleanno o un lieto evento attraverso Facebook ingaggiando personal fundraiser
  • realizzare campagne di crowdfunding su piattaforme web che possono ospitare progetti e iniziative dando l’opportunità a donatori provenienti da tutto il mondo di finanziare un’idea o una causa sociale. 

Questi sono tutti modi per entrare in contatto costante con affezionati o potenziali sostenitori e per far sì che non si dimentichino mai di te e della tua causa. 

Non presenziare questi canali, oggi, crea senza dubbio una posizione di svantaggio nel “mercato” del non profit. 

Fai in modo di non trovarti in questa posizione.

RAPIDITÀ E TRASPARENZA

Niente fila alla posta per pagare un bollettino, niente fila in banca per effettuare un bonifico.  

In ogni luogo si trovino, in ogni momento della loro giornata e qualsiasi dispositivo abbiano di fronte, il tuo compito è quello di creare un’esperienza utente che permetta ai tuoi sostenitori di donare con facilità e costanza, tramite il web. 

Una user experience ben curata e dei contenuti ben chiari ed efficaci ti permetteranno di incrementare le tue donazioni e rafforzare quel rapporto di fiducia con chi crede nella tua mission e ha deciso di sostenerti.

Ovviamente più renderai le cose facili, rapide e trasparenti e più la tua community sarà propensa a compiere più volte una donazione.

Devi far sì che non possano esserci particolari dubbi su come impiegherai il denaro raccolto e cercare di facilitare al massimo il processo di donazione online. 

Form intuitivi, informazioni concise… e ricordati sempre di inserire una call to action!

CALL TO ACTION

COSTI CONTENUTI

A differenze dal marketing tradizionale, sul web avrai più opportunità di risparmiare, potendo testare con flessibilità strumenti e budget.

Certo è che quando si inizia a giocare duro e quando molti ne iniziano a capire le potenzialità, anche gli investimenti sul web si fanno sentire e devono necessariamente diventare più consistenti per poter ottenere risultati davvero soddisfacenti. 

Ma l’online è rivoluzionario soprattutto perché dà l’opportunità, anche a chi ha meno capacità di investimento, di provare strategie, testare vendite, acquisire nuovi contatti o, come nel caso del non profit, attrarre nuovi donatori.

Un minimo di investimento va compiuto ma sarà alla portata di tutte lo organizzazioni.

FUNDRAISING BUDGET

I digital fundraising non è certamente l’unica strada da percorrere e, in una strategia più ampia di raccolta fondi, esso rappresenta solo una parte. 

Non può essere nemmeno considerato una scatola a sé stante e deve essere ben integrato con tutte le altre azioni. 

Ricordiamoci anche di non dare mai per scontato che un approccio o una strategia possa funzionare solo perchè “funziona agli altri”. 

Quello che dobbiamo fare sempre:

  • partire dei dati
  • conoscere la nostra audience
  • pianificare azioni di raccolta fondi coerenti
  • realizzare contenuti di comunicazione efficaci

Non restare incastrato nei metodi tradizionali ma accogli e testa quelli integrati, così poi potrai affermare con più certezza ciò che funziona e ciò che non funziona!

“Do or do not, there is no try." - Maestro Yoda

Vuoi ricevere consigli sulla tua strategia di digital fundraising?

SCRIVICI A info@feelcrowd.it

oppure

Vuoi ricevere notizie su crowdfunding, digital fundraising e terzo settore?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scorrere fino alla parte superiore